Ecolamp a Festambiente
alt
Lampade che durano, dal 1939
Chiamaci ora+39 011 56 28 964

Illuminazione e Rifiuti: Ecolamp a Festambiente

Casa delle Lampadine - giovedì, 10 agosto, 2017

È in questi giorni che a Rispescia (GR) si svolge Festambiente, la manifestazione di Legambiente che fonde ecologia, solidarietà e cultura.

Quest’anno il tema è l’Economia civile, sviscerato in 12 giorni di cinema, mostre, musica, esposizioni di vario tipo, dibattiti e conferenze, con tanto di spazi per bambini, aree dedicate al benessere, alla ristorazione bio o tradizionale.

Ecolamp e l’esempio toscano

Qualche giorno fa è intervenuta, durante il festival, anche Ecolamp, il consorzio che si occupa dal 2004 della raccolta e del riciclo dei rifiuti di illuminazione. Ecolamp si impegna a raccogliere sul territorio nazionale lampade, lampadine e apparecchi di illuminazione. Dall’inizio dell’anno, nella sola Regione Toscana sono state raccolte ben 79 tonnellate di lampadine esauste, da cui sono stati recuperati il 97,16% dei materiali.

Il direttore generale del consorzio Ecolamp  affermato: “Siamo certi che, anche grazie alla presenza di Ecolamp, i visitatori di Festambiente saranno ancora più consapevoli dell’importanza di una corretta raccolta differenziata dei rifiuti di illuminazione. Da questi Raee, infatti, è possibile recuperare oltre il 95% dei materiali, impiegabili in nuovi cicli produttivi. Dati importanti, che senza dubbio toccheranno la sensibilità dei cittadini toscani”.

I risultati della raccolta sul territorio toscano sono stati comunque eterogenei: la provincia che si è dimostrata più virtuosa, in questo senso, è stata quella di Pisa, seguita a brevissima distanza da Arezzo e da Firenze. Gli ultimi tre posti della classifica, invece, sono occupati dalle province di Livorno, Massa-Carrara e Grosseto.

La gestione del fine vita dei rifiuti di illuminazione (che appartengo ai raggruppamenti R4 e R5) presenta come fine principale quello di valorizzare le materie prime seconde che si ricavano dalle attività di corretto trattamento. È questo il motivo per cui si rivela di fondamentale importanza non soltanto l’incremento delle quantità di rifiuti raccolti in modo differenziato, ma anche e soprattutto della loro qualità.

Le buone norme

Quali sono, in sostanza, le buone regole da seguire? Come ha ricordato Ecolamp, le lampade a incandescenza e quelle alogene non vanno raccolte in modo differenziato, ma possono essere gettate nei rifiuti generici. Nel caso di tutte le altre lampade come LED e Neon, invece, bisogna rifarsi alla raccolta differenziata dei Raee. Queste lampade, che appartengono al raggruppamento R5, vanno smaltite in maniera corretto. Per quanto concerne invece gli apparecchi di illuminazione, come per esempio torce, lampade da scrivania e abatjour, anche questi sono rifiuti facenti parte della raccolta differenziata dei Raee e appartengono al raggruppamento R4, assieme all’elettronica di consumo (vale a dire telefonini, tablet e affini) e ad altri piccoli elettrodomestici. Anche nel caso di questi ultimi è Ecolamp che si occupa della raccolta e del corretto avviamento al riciclo a livello nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento ancora.