Yann Kersalé a Roma
alt
Lampade che durano, dal 1939
Chiamaci ora+39 011 56 28 964

Yann Kersalé a Roma

Casa delle Lampadine - giovedì, 30 novembre, 2017

Yann Kersalé è un artista della luce, l’inventore di una nuova funzione della luce nella città, colui che ha realizzato opere di design luminoso in grado di riqualificare gli spazi urbani e sarà a Roma la prossima settimana.

Formatosi attraverso esperienze di arte cinetica e land art, l’artista bretone, nato nel sobborgo di Parigi di Boulogne-Billancourt ma cresciuto a Douarnenez, si è interessato alle opere e alle ricerche di Beuys e Christo.

Kersalé è diventato quindi famoso in tutto il mondo per le sue expédition Lumière e per le sue installazioni fisse, per il suo modo di reinventare attraverso l’uso della luce colorata aree industriali dismesse come l’Altoforno di Caen oppure edifici come l’Opera di Parigi e il Parlamento di Berlino.

Lo spazio reinventato dalla luce

La luce artificiale utilizzata da Yann Kersalé nei cantieri navali di Saint-Nazaire ha completamente reinventato lo spazio tra gru, piattaforme, depositi e silos un paesaggio nuovo, facendo da scena e da sfondo ad eventi e manifestazioni.

Nessuna luce “estranea” all’ambiente è stata impiegata, perché in questo caso Kersalé ha utilizzato le luci di segnalazione delle navi in entrata o in uscita dal porto, ossia il verde e il rosso. Luci dinamiche hanno così messo in relazione il paesaggio “fisso” del porto alle navi in movimento con un sorprendente effetto cinetico e il risultato è un paesaggio luminoso che si muove di continuo con piccole e quasi impercettibili variazioni.

L’identità notturna data dalla luce

Kersalé ha dato una identità notturna a monumenti pubblici come la Tour Agbar di Barcellona o l’Opera di Lione e ancora il Sony Center a Berlino, il Museo de l’Art Première a Quai Branly a Parigi e molte altre ancora.

Kersalé a Roma

Kersalé sarà a Roma innanzitutto per lavorare alla mise en lumière dei giardini di Villa Medici.

Sarà quindi nella capitale la prossima settimana dal 4 al 6 dicembre per il workshop progettuale di illuminazione architettonica organizzato dal Master in Lighting Design dell’Università degli Studi della Sapienza il cui obiettivo non è solo quello didattico e formativo ma anche di collaborazione tra Università e amministrazione.

Kersalé sarà ancora a Roma dal 5 al 7 marzo per la presentazione della sua opera con una sua conferenza conclusiva.

In questa occasione verrà svolta una presentazione complete dell’artista bretone come interprete della forma e della narrazione poetica dell’architettura e dell’arte contemporanee.

Nella sua versione meno nota, meno famosa al pubblico, Kersalé esprime la sua arte anche in ambienti naturali con materiali naturali nell’arco della durata di una sola notte proprio per sottolineare l’effimero che svanisce dopo quell’attimo di magia che può essere colto con un lampo di luce.

Artista della luce contemporaneo, che crea le sue opere partendo da bagliori luminosi, Yann Kersalé si dichiara sempre all’inseguimento della luce blu che caratterizza il momento del tramonto in estate: «Le mie tele rappresentano sempre il momento di transizione tra il crepuscolo e l’aurora».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento ancora.